La Spagna sta attraversando la peggiore crisi che possiamo ricordare da quando il nostro paese è diventato una democrazia moderna 40 anni fa. Il nuovo coronavirus ha ucciso oltre 22.000 persone e ne ha infettate almeno 220.000.

Le nostre congregazioni evangeliche non sono state risparmiate in questa pandemia, e io sono tra quelli che sono stati ricoverati in ospedale con il COVID-19.

Sono pastore di una chiesa di 350 persone in una piccola città sulla costa atlantica. Sono anche leader nazionale della mia denominazione e presidente dell'Alleanza evangelica spagnola. Ma sono stato fermato nel mio percorso dopo essere stato infettato.

Dopo 21 giorni di lotta contro la malattia sia a casa che in ospedale, sono stato dimesso. Ero grato e pieno di gioia; Ero anche molto consapevole che altri, anche più giovani e più sani di me, avevano perso la vita.

Come paese, stiamo ancora soffrendo mentre camminiamo verso un futuro incerto. Nella mia famiglia, le persone stanno ancora combattendo il virus, tra cui mia moglie e mia suocera. Ma qui ci sono sei lezioni basate sulla nostra esperienza in Spagna fino a questo punto, di impegno per amare Dio e il prossimo in mezzo a una pandemia.

1. Ricordiamoci che non siamo invincibili.

La prima conclusione è per coloro che, come me, sono nella leadership cristiana. L'ovvia lezione mentre mi ripetevo era di ricordare che non sono sovrumano. Come pastori, viviamo nello stesso mondo di tutti gli altri, con gli stessi conflitti e rischi. Siamo vulnerabili e questo è esattamente ciò che ci qualifica per la leadership.

La guida di coloro che sembrano estranei alla sofferenza non produrrà mai discepoli ma solo ammiratori. Il mio tempo di sofferenza e di lotta contro la malattia mi ha ricordato ancora una volta che il Padre ha già inviato un Salvatore, e non sono io.

Anche ammalarmi mi ha mostrato di nuovo l'importanza di appartenere a una comunità. Quando le persones sono venute a conoscenza della mia infezione, c'è stata un'immediata reazione di preghiera nella mia chiesa locale, nelle chiese di tutta la Spagna e persino in altre parti del mondo. Amici e persone che non avevo mai incontrato prima hanno inviato messaggi di sostegno e preghiere di fede e amore. Tutte queste sono state dosi di incoraggiamento nelle mie ore più difficili.

In quei giorni, sono stato in grado di confermare la verità della Parola che siamo un corpo - un solo corpo. Abbiamo una fede comune e siamo una famiglia. Tutto ciò non è qualcosa di astratto sulla carta o una teoria che vedremo un giorno in futuro, ma una realtà palpabile ora. Questo è ciò che sostiene quelli di noi che soffrono.

2. Riesaminiamo le nostre stesse vite.

Quando sei coinvolto in una chiesa che sta crescendo in numero, con progetti sociali, fondazione di chiese, ecc., La malattia inaspettata arriva come una pausa improvvisa e indesiderata per molti aspetti.

Inizialmente è uno shock, e successivamente arrivano le fasi di rabbia, elaborazione e, infine, accettazione. La malattia porta a un processo personale che, se tutto va bene, può durare per ore o giorni.

All'inizio, avevo dubbi sullo scopo della mia sofferenza attraverso il COVID-19. Ma dopo aver accettato la mia situazione, ho acquisito due intuizioni.

La prima è stata che Dio si è curato e si prende ancora cura di me. Nei giorni in cui ero gravemente malato, ho dovuto considerare la morte una realtà possibile. Come ho valutato la mia vita? Nel campo del ministero e della professione, ero in pace; Avevo fatto ciò che ero stato in grado di fare nel tempo in cui Dio mi aveva dato. Ma il dolore è apparso quando ho pensato ai miei figli. Sarei stato in grado di vedere come avrebbero raggiunto i loro sogni e obiettivi? Nonostante questo, c'è stata la pace nel sapere che Dio si sarebbe preso cura di mia moglie e dei miei figli se fossi morto.

Article continues below

La seconda consisteva nell'identificarsi con il dolore di così tante persone che stavano soffrendo la mia stessa sofferenza. È inestimabile ciò che la malattia può insegnare alla tua anima se sei pronto a lasciare che Dio espanda il tuo cuore nel processo. Sapevo che Dio era abbastanza potente da guarirmi, così come è stato abbastanza potente da salvarmi. E non ho pensato che la malattia fosse una punizione inviata da Dio. Ma mentre aspettavo con fede la sua guarigione - direttamente o con mezzi medici - potevo capire meglio che anche gli altri soffrivano. Ho potuto simpatizzare con loro, e mi sono reso conto che Dio avrebbe continuato ad essere il Signore, qualunque cosa mi fosse successa.

3. Non giochiamo con teologie trionfaliste.

Se il mio "palco" può essere utilizzato per qualcosa, spero che sia almeno per chiedere ai nostri fratelli e sorelle cristiani nelle Americhe di imparare dai nostri errori in Europa. Purtroppo gli Stati Uniti stanno già vivendo la realtà di questa pandemia e spero che i nostri amati paesi dell'America Latina mantengano e amplino le misure che sono state messe in atto.

Abbiamo visto la crisi in Cina e abbiamo detto: "Questo è in Cina; è lontano ”, e non ci siamo preparati. Poi è stato in Italia e abbiamo detto: “È in Italia; non verrà in Spagna." Infatti, alcuni fan del calcio hanno persino viaggiato nella peggiore area infetta della nazione vicina per partecipare a una partita di Champions League. (La competizione è stata successivamente sospesa ed è ora irrilevante.)

Giorni dopo, il COVID-19 è arrivato a Madrid, e quelli di noi che vivevano in altre parti della Spagna, ancora una volta hanno detto: “è nella capitale; siamo al sicuro " e non siamo stati prudenti. Infine è arrivato nella nostra città e proprio tra le nostre famiglie. Siamo stati lenti a reagire e ne abbiamo pagato le conseguenze. Per favore, imparate dai nostri errori e prendete molto sul serio questa pandemia.

Le chiese hanno un ruolo fondamentale da svolgere nel rispondere con saggezza a questa crisi. Il problema a cui stiamo assistendo è una teologia debole che insegna cautela nei conflitti con la fede, una teologia trionfalista che afferma che siamo immuni al virus a causa della nostra fede. Da ciò scaturiscono idee come quella che i cristiani non devono obbedire alle linee guida delle autorità perché Dio ci proteggerà. Questo è un grave errore e avrà conseguenze disastrose. I pastori che predicano queste cose dovranno rendere conto a Dio e agli uomini per i loro insegnamenti.

4. Accompagniamo coloro che piangono.

In Spagna, abbiamo visto centinaia di centri sanitari sopraffatti da ciò che il personale medico e militare descrive come un "ambiente di guerra". Medici e infermieri cristiani ci hanno raccontato di come piangevano quando arrivavano a casa dopo lunghi giorni di lavoro. Non c'è stato abbastanza personale, non abbastanza dispositivi di protezione, non abbastanza letti in terapia intensiva e altro. E sono consapevoli del grave impatto emotivo che questa pandemia avrà sulla nostra società negli anni a venire.

Nelle nostre chiese, abbiamo anche dovuto dare in fretta il saluto finale a molti credenti. La maggior parte di coloro che sono andati alla gloria nelle ultime settimane erano genitori e nonni di una generazione che ha combattuto per costruire le nostre comunità evangeliche. Molti sono morti da soli in una stanza d'ospedale, salutando i loro cari per telefono. Anche se abbiamo una speranza condivisa che va oltre la morte, il modo in cui ci hanno lasciato lascia ancora ferite.

Article continues below

Dobbiamo imparare di nuovo ad accompagnare le persone nel loro processo di lutto, cristiani e non. Le autorità sanitarie chiedono alle famiglie di autorizzare l'incenerimento dei loro parenti. Una telefonata fornisce istruzioni su come raccogliere le ceneri e il rapporto sulla morte. È come se le vittime del COVID-19 fossero improvvisamente scomparse dalla nostra vita.

Molti a cui non è stato permesso di stare con i propri cari nei momenti finali dovranno affrontare sentimenti di colpa e rabbia. Decine di migliaia non vedranno mai il corpo dei loro cari, nemmeno la bara. Le famiglie non saranno in grado di trovare un posto concreto per la loro perdita e l'assenza.

Come possiamo esprimere lutto senza un rito funebre o una cerimonia? Dobbiamo equipaggiare le persone per esprimere dolore a distanza. La nostra alleanza evangelica sta già lavorando su una guida al lutto in questi tempi strani.

5. Ritorniamo all'essenziale, a partire dalla comunità.

Le attività che riuniscono le persone negli spazi fisici sono state vietate in tutta Europa e non esiste un calendario preciso per sapere quando i governi consentiranno ai luoghi di culto di riprendere le loro attività.

Questo mette alla prova il nostro modo di essere chiesa. Le chiese che avevano già una buona struttura per piccoli gruppi manterranno meglio un senso di comunità - così come la cura pastorale e il lavoro missionario - in questo momento di crisi. E, naturalmente, le tecnologie e i sistemi di comunicazione disponibili su Internet sono una benedizione.

Ma i leader cristiani devono usare questa crisi per ripensare la chiesa da un punto di vista comune. Il centro non è il servizio di adorazione o il raduno domenicale, ma Cristo. Una volta terminata questa crisi, sarà importante tornare a una struttura cellulare per la chiesa che enfatizzi l'impegno personale e metta fine al consumismo religioso degli ultimi decenni.

Le priorità che emergono ora sono chiare. In primo luogo, nelle parole di Galati 6:10, dobbiamo "fare del bene a tutte le persone, specialmente a coloro che appartengono alla famiglia dei credenti". Dobbiamo essere molto attenti per assicurarci che nessun fratello o sorella soffra finanziariamente, emotivamente o socialmente. Successivamente, dovremmo anche estendere questa preoccupazione ai quartieri e alle città in cui viviamo.

Questo è anche un momento per mantenere il nostro lavoro pastorale in ogni area, inclusa la cura dei bambini, dei giovani, dei matrimoni e della nostra comune adorazione. Nella nostra chiesa locale, abbiamo celebrato la domenica di Pasqua a distanza con #santacenaibnlugo: Tutti noi abbiamo preso parte alla Cena del Signore dalle nostre case e condiviso foto usando quell'hashtag.

Abbiamo sempre predicato che una chiesa non è un edificio o un luogo ma un popolo. Il COVID-19 sarà il crogiolo per testare questa affermazione, la nostra teologia e le nostre strutture ecclesiali.

6. Cerchiamo di essere chiese vive e attive, più che mai.

Viviamo in un mondo distrutto che ha bisogno di cristiani che accettano la chiamata di essere luce e sale. È così che, attraverso la nostra testimonianza, molti saranno in grado di dare gloria a Dio.

Consentitemi di concludere con un esempio della chiesa da me guidata. La nostra non è una grande congregazione, e siamo in una città rurale di circa 100.000 abitanti. Potremmo pensare di essere deboli e piccoli di fronte a questa pandemia. E la crisi ha anche notevolmente ridotto le entrate finanziarie della nostra chiesa.

Article continues below

Tuttavia, siamo stati in grado di aumentare il nostro aiuto sociale per alleviare gli effetti della crisi tra le famiglie vicine. Cerchiamo di applicare Matteo 5:16, che dice: "Lascia che la tua luce risplenda davanti agli altri, affinché possano vedere le tue buone azioni e glorificare tuo Padre in cielo".

Nel nostro caso, ciò ha significato sviluppare un piano d'azione con tre aspetti. Il primo è un aiuto di emergenza, che fornisce assistenza finanziaria alle famiglie più vulnerabili. Il secondo è un programma di distribuzione alimentare. Forniamo 3 tonnellate di prodotti freschi ogni 15 giorni e forniremo 72 tonnellate di alimenti non deteriorabili nei prossimi giorni. Grazie alla nostra rete costruita negli ultimi anni, stiamo raggiungendo 900 famiglie - o circa 3.000 persone - con questo aiuto.

La terza è una nuova linea di ministero che abbiamo avviato in collefata con le forniture sanitarie. Ciò è possibile grazie a nove membri della nostra chiesa locale che hanno cucito abiti da ospedale, copriscarpe e cappellini. Lo fanno con una materia prima che è facile da trovare: sacchetti di plastica.

Ne abbiamo già forniti alcuni a centri sanitari e case di cura, dove erano molto necessari. La reazione dei media locali è stata significativa sin dall'inizio e ciò ha portato ad un aumento del numero di ordini. Il personale medico e le infermiere hanno espresso gratitudine e congratulazioni per la qualità del lavoro. Ci aspettiamo di realizzare oltre 2.000 abiti, cappelli e copriscarpe ciascuno nelle prossime settimane.

Termineremo questo programma quando le risorse promesse dal governo arriveranno in questi luoghi. Ma intanto continueremo a servire la nostra comunità.

È vero che siamo confinati, ma lo Spirito Santo non è limitato. E come cristiani, continuiamo a far parte della vita della società che ci circonda in questa crisi. È tempo di dimostrare che "la chiesa è viva e attiva". Questo motto della nostra chiesa manterrà i nostri membri concentrati nelle prossime settimane. Prego che possa ispirare anche la tua.

Marcos Zapata è pastore della Chiesa Buenas Noticias (Buona Notizia) a Lugo, in Spagna, e ricopre il ruolo di presidente dell'Alleanza evangelica spagnola.

[ This article is also available in English español Português Français 简体中文 한국어 Indonesianand 繁体中文. See all of our Italian (Italiano) coverage. ]