La Spagna sta attraversando la peggiore crisi che possiamo ricordare da quando il nostro paese è diventato una democrazia moderna 40 anni fa. Il nuovo coronavirus ha ucciso oltre 22.000 persone e ne ha infettate almeno 220.000.

Le nostre congregazioni evangeliche non sono state risparmiate in questa pandemia, e io sono tra quelli che sono stati ricoverati in ospedale con il COVID-19.

Sono pastore di una chiesa di 350 persone in una piccola città sulla costa atlantica. Sono anche leader nazionale della mia denominazione e presidente dell'Alleanza evangelica spagnola. Ma sono stato fermato nel mio percorso dopo essere stato infettato.

Dopo 21 giorni di lotta contro la malattia sia a casa che in ospedale, sono stato dimesso. Ero grato e pieno di gioia; Ero anche molto consapevole che altri, anche più giovani e più sani di me, avevano perso la vita.

Come paese, stiamo ancora soffrendo mentre camminiamo verso un futuro incerto. Nella mia famiglia, le persone stanno ancora combattendo il virus, tra cui mia moglie e mia suocera. Ma qui ci sono sei lezioni basate sulla nostra esperienza in Spagna fino a questo punto, di impegno per amare Dio e il prossimo in mezzo a una pandemia.

1. Ricordiamoci che non siamo invincibili.

La prima conclusione è per coloro che, come me, sono nella leadership cristiana. L'ovvia lezione mentre mi ripetevo era di ricordare che non sono sovrumano. Come pastori, viviamo nello stesso mondo di tutti gli altri, con gli stessi conflitti e rischi. Siamo vulnerabili e questo è esattamente ciò che ci qualifica per la leadership.

La guida di coloro che sembrano estranei alla sofferenza non produrrà mai discepoli ma solo ammiratori. Il mio tempo di sofferenza ...

Subscriber access only You have reached the end of this Article Preview

To continue reading, subscribe now. Subscribers have full digital access.