Come milioni di persone in America e nel mondo, Jeremiah Johnson ha fatto tardi la notte delle elezioni. Dallo schermo della TV nel suo soggiorno, ha guardato mentre il margine di vittoria di Donald Trump calava e si è seduto stordito incredulo.

Molti pensavano che l’ex presidente avrebbe vinto la rielezione; Johnson era tra i leader carismatici negli Stati Uniti che si erano lasciati alle spalle la parola di Dio.

La mattina del 4 novembre, quando il paese si è svegliato alla notizia che Joe Biden era in testa, Johnson ha inviato un ” avvertimento profetico” alla sua mailing list, dicendo che lui e un “coro di profeti maturi e collaudati” erano in accordo: Trump aveva vinto.

“O uno spirito bugiardo ha riempito la bocca di numerose voci profetiche fidate in America o Donald J. Trump ha davvero vinto la presidenza e stiamo assistendo a un piano diabolico e malvagio dispiegarsi per rubare le elezioni”, ha scritto Johnson ai suoi seguaci. “Credo con tutto il cuore che quest’ultimo sia vero.”

Oggi, Johnson rabbrividisce quando ripensa a quel messaggio.

A differenza di coloro che continuavano a insistere sulla vittoria di Trump, all’inizio del 2021 Johnson aveva invertito la rotta. Ora riconosce a malapena la persona che ha scritto quell’e-mail l’anno scorso, e nemmeno sua moglie, il personale o gli amici intimi. Invece, dice, Dio ha gentilmente usato la ricaduta disordinata sulle profezie fallite di Trump per iniziare un “cambiamento catalitico e drammatico” nella sua vita.

“Ero trincerato come chiunque altro”, ha detto Johnson a CT in una delle sue prime interviste ai media da quando si è pentito pubblicamente a gennaio e ha chiuso il suo omonimo ministero a marzo. “Dico alle persone che mi sento come se fossi stato salvato: sento la gentilezza di Dio; Sento la sua disciplina. Ho pianto così tante lacrime, solo ringraziando il Signore per la sveglia”.

Johnson ha solo 33 anni, ma c’è una sobrietà nel suo comportamento ogni volta che si alza per predicare. Guardando indietro ora, Johnson vede come il giorno delle elezioni del 2020 sarà per sempre parte della sua storia e un impulso per riorientare la sua chiamata e il suo ministero.

Johnson fa risalire la sua origine spirituale al grembo materno. Sua madre fece un sogno quando era incinta che la guidò a chiamarlo Geremia. È nato morto, con il cordone ombelicale avvolto intorno al collo, ed è stato rianimato dal personale ospedaliero, che lo ha definito un “bambino miracoloso”.

All’età di sette anni, Johnson aveva i suoi sogni profetici, notte dopo notte.

Figlio di un pastore carismatico, Johnson è cresciuto come continuazionista, credendo che lo Spirito Santo è vivo e attivo oggi, operando attraverso segni e prodigi soprannaturali come quelli menzionati in 1 Corinzi 12 (guarigione e parlare in lingue) accanto a ruoli come apostoli e profeti . In circoli come quello di Johnson, si crede che i profeti ascoltino il Signore in modo accurato, frequente e con dettagli inesplicabili. Ci si aspetta che usino quel dono, secondo 1 Corinzi 14:3, per “parlare alle persone per il loro rafforzamento, incoraggiamento e conforto”.

Quando Johnson predica, camminando sul palco in jeans, abbottonatura e blazer, a volte si ferma per pronunciare una “parola” profetica che sente che il Signore lo esorta a condividere con qualcuno tra il pubblico, un’affermazione personale tempestiva o la Scrittura passaggio, o un promemoria rilevante di un particolare attributo di Dio.

Il dono della profezia è citato in tutta la Scrittura ed è incoraggiato nella maggior parte delle tradizioni pentecostali e carismatiche. Ma Johnson fa parte di una classe di pastori, ministri itineranti, autori e oratori pubblici che abbracciano il ruolo vocazionale di un profeta, come quelli dell’Antico Testamento, e affermano che Dio ha dato loro uno “spirito di rivelazione” su eventi significativi su scala nazionale e mondiale. La maggior parte si concentra meno sulla predizione del futuro che sul fornire opportune parole di esortazione o incoraggiamento al popolo di Dio.

Article continues below

Johnson era un pastore e fondatore di chiese a Heart of the Father Ministry in Florida quando nel 2015 profetizzò che Trump avrebbe vinto la sua prima elezione l’anno successivo.

Quando la razza repubblicana era ancora affollata di candidati, Johnson disse di aver sentito da Dio in sogno che Trump aveva un “destino profetico” per diventare presidente e che sarebbe stato “come un toro nell’armadio della Cina”. La sua visione catturò l’attenzione di una rete di capi ministeriali carismatici desiderosi di predicare e profetizzare sulla politica americana e portò il giovane pastore alla ribalta nazionale.

“Poiché ero pastore, perché ero coinvolto nella vita delle persone, ho pensato che fosse casuale, ‘Dio mi parla una parola nel mio santuario, diventa virale, Trump viene eletto, e basta’”, ha disse.

Ma a partire dal 2018, Johnson ha detto che Dio ha ricominciato a parlargli di Trump. Alcuni dei suoi messaggi contenevano avvertimenti per la chiesa: che Dio cercava il cuore del presidente, non il suo denaro e il suo potere, e i sostenitori avrebbero iniziato a “vedere l’errore delle sue vie” e “gridare per la sua anima”. Non è stato fino allo scorso ottobre che Johnson ha avuto un sogno in tre parti: in cui i Dodgers hanno vinto le World Series, Amy Coney Barrett ha prestato giuramento prima delle elezioni e Donald Trump ha vinto le elezioni del 2020.

Le prime due parti si sono avverate e Johnson si è sentito incoraggiato a condividere la terza come una profezia di Dio.

Ma guardando indietro ora, Johnson vede i pericoli di ottenere una piattaforma e un pubblico che era affamato di sentire parlare del presidente.

“Nove messaggi su dieci che stavo predicando riguardavano il Signore, niente di politico o attuale, ma poiché quello sarebbe diventato virale o avrebbe attirato così tanta attenzione, penso che sia diventato tossico e pericoloso nel tempo”.

E per essere sincero, dice: “Che tu voglia chiamarla una tentazione” o no, ”è quello che vende”.

Poco dopo che divenne chiaro che Trump aveva perso, Johnson disse di aver sentito un’altra parola da Dio: “Ti sbagli e userò questo per umiliarti”.

Era un rimprovero castigo. Johnson si è scusato con il mondo e si è preso tre mesi lontano dagli occhi del pubblico per digiunare e pregare. Poi si allontanò dalle collaborazioni ministeriali e dai seguaci che lo esortavano ancora a fare eco alle profezie politiche e a offrire commenti. Ha chiuso i ministeri di Jeremiah Johnson e ha perso centinaia di donatori di alto livello.

Ha provato un senso di libertà e leggerezza nel lasciarsi tutto alle spalle.

Descrive l’esperienza come Dio che lo porta fuori da una stanza “piena di trappole”, dove le questioni spirituali si mescolano a quelle politiche. “C’è abbastanza di Gesù lì dentro per tenerti lì, ma non c’è abbastanza di lui per tenerti concentrato”, ha detto.

Anche uno dei mentori di lunga data di Johnson, il pastore di Denver Loren Sandford, aveva profetizzato un secondo mandato di Trump. I due si sono ritrovati intorno alle elezioni e hanno rilasciato le loro scuse lo stesso giorno, subito dopo che la certificazione dei voti è stata interrotta da un’insurrezione in Campidoglio. Come Johnson, Sandford ha ammesso la sua falsa previsione e ha affrontato ripercussioni simili.

Article continues below

Ciò che li ha scioccati entrambi, tuttavia, è che hanno ricevuto più contraccolpi per essersi pentiti che per aver sbagliato.

Mentre Johnson e Sandford si sentivano contriti, altri leader carismatici si preparavano alla battaglia. Molti che hanno profetizzato la rielezione di Trump, insieme a molti pastori, hanno continuato ad aggrapparsi alle loro posizioni dopo le elezioni e hanno insistito sul fatto che era volontà di Dio che Trump rimanesse presidente. Molti hanno raddoppiato le loro profezie e alzato la posta in gioco.

Rick Joyner, un autore e predicatore che ha fondato MorningStar Ministries, si è unito al telepredicatore Jim Bakker nel predire che il paese dovrebbe prepararsi per una guerra civile tra repubblicani e democratici.

Il revivalista Jeff Jansen ha proclamato che Trump era ancora presidente e che l’esercito era in procinto di rimuovere Biden dal potere.

Mentre il giorno dell’inaugurazione andava e veniva, milioni di persone si chiedevano perché l’ acquisizione promessa non fosse avvenuta. Il movimento carismatico è stato ulteriormente gettato nel “caos e conflitto assoluti”, ha detto Sandford.

“Così tanti del popolo di Dio stanno soffrendo e il mondo ci sta prendendo in giro, pensando che la nostra fede in Gesù sia falsa quanto queste profezie di Trump fallite”, si legge in un rimprovero di Michael Brown, un leader carismatico rispettato sin dal Brownsville Revival movimento a metà degli anni ’90 e un altro dei mentori spirituali di Johnson. “ Dopo tutto, si chiedono, come potrebbero sbagliarsi tutti i profeti?

Ora, Brown, Sandford e Johnson sono ansiosi di spiegare cosa ha portato alle previsioni elettorali sbagliate e che Dio usi i fallimenti di alto profilo come un’opportunità per rivisitare le linee guida per avvicinarsi alla profezia e ritenere i profeti responsabili.

“Credo che Dio voglia fare qualcosa in questo momento nel movimento carismatico, nel movimento profetico”, ha detto Johnson a febbraio. “Credo che Dio voglia che ci umiliamo. Credo che Dio voglia che ci guardiamo dentro. Credo che Dio voglia che facciamo le domande difficili”.

L’ideologia delle sette montagne

Questo angolo del moderno mondo neocarismatico , chiamato anche Terza Onda , Riforma Neo- Apostolica o Cristianesimo Carismatico della Rete Indipendente , è uno dei gruppi di fede in più rapida crescita in America. Una caratteristica ideologica del movimento è la sua attenzione al Mandato delle sette montagne, in cui i cristiani sono in missione per occupare sette regni fondamentali della cultura: media, governo, istruzione, economia, famiglia, religione e intrattenimento, come un modo chiave per vincere nazioni per il ritorno del Signore.

L’ideologia delle sette montagne esiste da decenni, originata da figure evangeliche popolari come Bill Bright, Loren Cunningham e Francis Schaeffer. Inizialmente, era una risposta alla mentalità separatista che alcuni credenti avevano all’epoca, esortandoli a offrire invece un’influenza evangelica in tutte le aree della cultura.

“Il problema”, ha detto Brown, “è quando lo accoppi a una mentalità dominista , in cui prendiamo spiritualmente il sopravvento” e la combiniamo ulteriormente con una teologia postmillenaria, in cui i credenti non sono solo chiamati a servire Dio in ogni montagna di cultura, ma abitare, ma per condurre da posizioni di potere in preparazione al regno terreno di Cristo nel regno millenario.

Article continues below

Sebbene l’accusa di dominionismo sia stata lanciata come peggiorativa dagli oppositori, il termine ha avuto origine all’interno del movimento stesso. Già professore al Fuller Theological Seminary [C. Peter Wagner] (https://www.christianitytoday.com/edstetzer/2016/october/in-memory-of-c-peter-wagner.html) ha abbracciato una “teologia del dominio” nel suo libro del2010 Dominion!: How Kingdom Action Può cambiare il mondo, come fecero molti dei suoi primi sostenitori carismatici, inclusi i leader apostolici Lance Wallnau e Johnny Enlow.

Questi leader hanno suggerito che il successo e l’influenza di Trump lo hanno reso il candidato ideale per aiutare i cristiani a reclamare la loro cultura.

Anche dopo che Biden ha prestato giuramento, Enlow ha mantenuto la vittoria di Trump e ha dichiarato che “se puoi vedere cosa c’è in paradiso, chi è seduto sul trono, vai su e guarda il posto di presidenza in paradiso, vedi chi c’è lì. Non è Biden; è Trump”. Enlow ha affermato altrove che “dal cielo, il presidente Trump è riconosciuto come il principale leader di governo sul pianeta Terra”.

Enlow ha anche collegato il destino profetico di Trump al dominionismo delle Sette Montagne e alla cospirazione QAnon affermando che ci sono “pedofili che sacrificano bambini in una rete mondiale in cima alle montagne” e che Dio ha inviato Trump in una divina “operazione di salvataggio”.

Sebbene tali affermazioni possano sembrare estreme, Wallnau ed Enlow sono stati entrambi voci fidate in alcune delle più grandi reti carismatiche del movimento, parlando insieme a una serie di altri leader popolari, come Steve Shultz del sito web di profezie Elijah List , che ha oltre un quarto di un milione di abbonati e Bill e Beni Johnson della Bethel Church, la carismatica megachiesa e centro ministeriale nella California settentrionale.

Responsabilità profetica

Nel 2016, quando solo una manciata di leader aveva profetizzato che Trump avrebbe vinto le prime elezioni, alcuni carismatici erano fiduciosi, ma molti erano scettici. Un paio di anni dopo il suo mandato, le previsioni profetiche sulla sua rielezione hanno continuato a crescere. Un sondaggio ha rilevato che oltre la metà dei pentecostali bianchi credeva che il presidente fosse unto divinamente , e questi ” elettori della profezia ” sono diventati un segmento vocale della base evangelica di Trump.

Secondo Brown, il numero di figure profetiche che hanno affermato una parola diretta dal Signore sulla rielezione di Trump era solo una piccola frazione.

Ma questa minoranza vocale, che “dicevano tutti la stessa cosa”, è stata efficace nel raggiungere la maggioranza del movimento carismatico grazie alla loro forte presenza online, ha detto.

Per i critici carismatici, il problema non è il fatto che i profeti moderni abbiano affermato di sentire da Dio un’elezione presidenziale. Né il fatto che la loro previsione sulla rielezione di Trump si sia rivelata sbagliata. Piuttosto, è che così tanti non sono riusciti a confessare quando si sono dimostrati falsi.

“La profezia inspiegabile è stata un problema per molto tempo”, ha detto Brown, definendola “una rovina per il moderno movimento carismatico pentecostale”.

Nel Nuovo Testamento, l’apostolo Paolo ha esortato i seguaci a “desiderare con ardore i doni dello Spirito, in particolare la profezia” (1 Cor. 14:1), avvertendoli: “Non disprezzare le profezie, ma provale tutte; aggrappatevi a ciò che è buono» (1 Tessalonicesi 5:20-21), poiché da questa parte del cielo «in parte conosciamo e in parte profetizziamo, ma quando viene la completezza, ciò che è in parte scompare» (1 Cor. 13:9–10).

Article continues below

“Ogni vera parola profetica ha bisogno di un controllo della realtà”, ha detto Sandford, che ricorda ancora Y2K, quando “i grandi profeti profetizzarono che il mondo intero sarebbe finito, tutti i computer si sarebbero bloccati”. Fino ad oggi, dice: “Non ho sentito una sola scusa da nessuno che l’abbia profetizzato”.

“Poi ci sono state tutte le profezie che sono venute fuori intorno alla Pasqua di un anno fa”, dice. Le profezie, date mesi prima di quelle relative alle elezioni, affermavano che il coronavirus avrebbe iniziato a scomparire prima di raggiungere la costa americana. “Beh, neanche questo è successo”, ha detto.

E mentre Sandford e Brown rimangono pessimisti su alcune delle ultime resistenze che devono ancora pentirsi pubblicamente per le loro profezie fallite su Trump, hanno iniziato a sentirsi ottimisti sulla traiettoria del movimento nel suo insieme.

Sandford, che ha conseguito un MDiv presso il Fuller Theological Seminary, è tornato a una serie di principi biblici per la profezia pubblica sviluppati anni fa, affermazioni come: “Mentre faccio tesoro delle esperienze spirituali dello Spirito Santo, non metterò le esperienze soggettive e il discernimento al di sopra della Bibbia ”, e un voto di emettere una piena confessione, pentimento e scuse per qualsiasi profezia errata. Appartiene a un altro gruppo che ha in programma di incontrarsi questo autunno per affrontare la riforma profetica.

A febbraio, Brown ha rivisitato principi simili quando ha iniziato a ospitare riunioni mensili Zoom con Joseph Mattera , capo della US Coalition of Apostolic Leaders, e un gruppo eterogeneo di 20-30 figure ministeriali globali, tra cui Johnson, per stabilire linee guida per la responsabilità profetica in loro comunità.

La nuova dichiarazione , indicando ciò che dice è “un momento in cui ci sono molte domande nel Corpo riguardo al dono della profezia e al ministero del profeta”, ha riunito dozzine di sponsor, tra cui Randy Clark, Daniel Kolenda, Craig Keener, RT Kendall, Mark Driscoll e Wayne Grudem.

L’autore del dono della profezia nel Nuovo Testamento e oggi, Grudem stato una figura chiave nel 1980 rendendo il caso che questo dono spirituale carismatica potrebbe piazza con una dottrinalmente buona comprensione evangelica di fede, una posizione che è decollato a livello globale nel del Movimento carismatico riformato del XXI secolo . È stato anche tra i più importanti evangelici riformati a sostenere Trump nel 2016 (ma ha ritirato la sua approvazione dopo l’uscita di nastri in cui Trump fa riferimento a donne a tentoni).

Un altro firmatario è stato il leader senior della Betel Kris Vallotton, che ha profetizzato la rielezione e in seguito si è scusato. Usando la parola come abbreviazione comune per un messaggio profetico, Vallotton scrisse di aver “ricevuto la parola sull’umiltà un anno fa”, dicendo che “Ogni volta che mi perdo o non so cosa fare in questa pazza stagione Dio mi dice ′ L’umiltà è la via da seguire». ”

Anche Steven Strang, editore di Charisma , ha firmato la dichiarazione, insieme all’ex editor Jennifer LeClaire. Strang è stato uno dei primi sostenitori delle profezie di rielezione di Trump, evidenziandone molte nel suo Strang Report . Poco dopo l’elezione, ha continuato a sollecitare i suoi seguaci a lottare affinché Dio ribaltasse i risultati.

Article continues below

LeClaire non ha profetizzato sul secondo mandato del presidente, ma si è unito al coro del suo primo, descrivendo la crescente mappa rossa degli stati che hanno votato per Trump nel 2016 come “parabolica del sangue di Gesù”.

Ora anche lei sta dando l’allarme . “Dobbiamo iniziare a unirci sotto la bandiera di Gesù, anche se non possiamo unirci sotto la piattaforma di un politico”, ha detto.

Pentimento e umiltà

Un anno dopo essere stato messo sotto i riflettori di Fox News per aver profetizzato la rielezione di Trump, il leader del ministero californiano Shawn Bolz si guarda indietro e vede un “complesso messianico” tra alcuni dei seguaci cristiani dell’ex presidente.

“Hanno attaccato la loro fede a questo così tanto che quando mi sono pentito, sono diventato come un soldato AWOL che non era più nella squadra”, ha detto Bolz, che ha affrontato minacce di morte per essersi scusato per la sua profezia. Una lettera scritta a mano avvertiva che “quando Trump sarà rieletto di nuovo”, Bolz sarebbe “impiccato davanti alla Casa Bianca, ucciso come falso profeta”.

“Non importa cosa ti dicono le persone, voglio dire, cosa abbiamo visto e il frutto del comportamento delle persone, la loro speranza non era in Dio, la loro speranza era in Trump, punto”, ha detto Jennifer Toledo , che ha cofondato una chiesa carismatica a Los Angeles chiamato Espressione 58 con suo marito e Bolz.

Indipendentemente dal fatto che Trump torni o meno in gara nel 2024, leader come Bolz e Toledo pregano che la loro chiesa locale e il movimento più ampio facilitino le conversazioni per affrontare i loro punti ciechi spirituali e rinnovare la loro attenzione su Cristo.

Il verso principale associato alla campagna presidenziale di Trump nel 2016 era 2 Cronache 7:14: “Se il mio popolo, che è chiamato con il mio nome, si umilierà e pregherà e cercherà la mia faccia e si allontanerà dalle sue vie malvagie, allora ascolterò cielo, e perdonerò il loro peccato e guarirò la loro terra».

Un brano popolare tra i Pentecostali e spesso citato nei circoli carismatici, divenne alla fine un appello profetico alla preghiera e al digiuno per la sua elezione e rielezione .

E mentre molti leader carismatici paragonavano Trump a Ciro, il re persiano che fece tornare il popolo di Dio dall’esilio e lo riportò nella Terra Promessa, la congregazione di Toledo è guidata da Isaia 58 , dove Dio rimprovera Israele per non aver visto quel vero risveglio e restaurazione. non derivano semplicemente dalla ricerca di una giusta riforma, ma da una visione olistica per il pentimento e la riconciliazione.

Attraverso le Scritture, i profeti hanno predicato questo messaggio al popolo di Dio per suo conto. I profeti hanno una “dipendenza unica dallo Spirito Santo, per la guida, la rivelazione, l’intuizione e l’ispirazione, affinché possano parlare e ministrare”, dice Brown. Hanno lo scopo di mantenere la concentrazione e rimanere sulla buona strada, “per mantenere la cosa principale e assicurarsi che le cose non vadano per le tangenti”.

Ma come ha testimoniato Geremia Johnson, molti profeti si sono distratti da altre cose e “sono diventati un ostacolo” per il popolo di Dio, perché “quando i profeti sono distratti, le persone si distraggono”.

Article continues below

“Abbiamo parlato di idolatria in politica, [ma] c’è idolatria nei profeti”, dice Johnson. “Nessuno ne parla”. Dice di credere che “i profeti sono diventati un idolo nel corpo di Cristo” e mentre “ovviamente sono stati umiliati, le persone stesse devono pentirsi di adorare i profeti”.

Johnson teme anche che molti credenti abbiano perso di vista il ruolo primario che il ministero profetico dovrebbe avere: non predire il futuro o prevedere le elezioni, ma indirizzare le persone a Cristo.

Durante i suoi tre mesi di preghiera e digiuno all’inizio del 2021, mentre Johnson ascoltava la voce di Dio, ha sentito il Signore dire: “Un uomo sta morendo, un ministero sta morendo e voglio che inizi a concentrarti su un movimento... per aiutare a preparare la sposa di Cristo per il ritorno del nostro glorioso Sposo Re Gesù”.

Invece di gestire la Jeremiah Johnson Ministries, il pastore iniziò una nuova impresa chiamata The Altar Global . Durante le riunioni di culto della durata di tre ore trasmesse in diretta dalla sua chiesa e dalla sua base ministeriale a Charlotte, nella Carolina del Nord, predica una rinnovata attenzione su Cristo. “Signore, metti sotto controllo i nostri motivi e le nostre intenzioni stasera”, ha pregato durante un servizio questa primavera. “Rivestici di pura e semplice devozione a Gesù”.

E mentre più leader si uniscono a questo residuo in crescita, Johnson crede che la comunità carismatica riacquisterà la sua visione. “Lo Spirito di Dio sta umiliando il movimento profetico su tutta la linea”, afferma Johnson. “E chiaramente, Dio sta invitando il suo popolo a tornare a lui”.

Stefani McDade collabora con CT in Georgia.

[ This article is also available in English español 简体中文, and 繁體中文. See all of our Italian (Italiano) coverage. ]