Jump directly to the Content

News&Reporting

I 50 paesi in cui è più difficile seguire Gesù nel 2023

L’ultimo rapporto sulla persecuzione dei cristiani vede la Nigeria e l’Africa subsahariana l’epicentro della violenza jihadista, mentre la Cina guida lo sforzo per ridefinire i diritti religiosi.
|
EnglishespañolPortuguêsالعربيةFrançais简体中文한국어Indonesian繁體中文русский
I 50 paesi in cui è più difficile seguire Gesù nel 2023
Image: Illustration by Mallory Rentsch / Source Image: Benne Ochs / Getty Images
I 50 paesi in cui è più difficile seguire Gesù nel 2023

Lo scorso anno più di 5.600 cristiani sono stati uccisi per la loro fede. Più di 2.100 chiese sono state attaccate o chiuse.

Più di 124.000 cristiani sono stati sfollati con la forza dalle loro case a causa della loro fede e quasi 15.000 sono diventati profughi.

L’Africa subsahariana, l’epicentro del cristianesimo globale, è ora anche l’epicentro della violenza contro i cristiani, poiché l’estremismo islamista si è diffuso ben oltre la Nigeria.

E la Corea del Nord è tornata al numero 1, secondo la World Watch List (WWL) del 2023, il più recente bilancio annuale di Porte Aperte dei primi 50 paesi in cui è più pericoloso e difficile essere cristiani.

I preoccupanti conteggi di martiri e attacchi alle chiese sono in realtà inferiori a quelli del rapporto dello scorso anno. Ma Porte Aperte sottolinea che sono “una cifra minima assoluta” e si affretta a notare che il calo dei dati non indica reali miglioramenti nella libertà religiosa.

Ad esempio, la riduzione delle chiusure di chiese è stata “dovuta in gran parte” al fatto che i funzionari cinesi hanno chiuso quasi 7.000 chiese nei due anni precedenti. E il calo dell’Afghanistan dal numero 1 dell’anno scorso al numero 9 di quest’anno “offre poco di cui rallegrarsi” perché è definito dal fatto che dopo la presa del potere da parte dei talebani la maggior parte dei cristiani afgani “si è nascosta o è fuggita all’estero” .

Complessivamente, e come lo scorso anno, 360 milioni di cristiani vivono in nazioni con alti livelli di persecuzione o discriminazione. Si tratta di 1 cristiano su 7 in tutto il mondo, di cui 1 credente su 5 in Africa, 2 su 5 in Asia e 1 su 15 in America Latina.

E solo per la terza volta in tre decenni di monitoraggio, tutte le 50 nazioni hanno ottenuto un punteggio abbastanza alto da registrare livelli di persecuzione “molto alti” sulla matrice di Porte Aperte composta da oltre 80 domande. È stato anche così per altre 5 nazioni che sono cadute appena fuori dal limite.

L’estremismo islamico continua a causare il maggior numero di persecuzioni (31 nazioni), specialmente nell’Africa sub-sahariana dove Porte Aperte teme che la Nigeria scatenerà presto “una vasta catastrofe umanitaria” in tutto il continente. I ricercatori hanno anche notato come la Cina abbia aumentato le restrizioni e la sorveglianza digitale e stia “creando una rete di nazioni che cercano di ridefinire i diritti umani, lontano dagli standard universali e dalle libertà religiose”. E un terzo paese dell’America Latina, il Nicaragua, è entrato nell’elenco poiché i governi autoritari considerano sempre più i cristiani come voci di opposizione.

Lo scopo delle classifiche annuali della WWL - che hanno raccontato come la Corea del Nord abbia concorrenza mentre la persecuzione peggiora sempre di più - è guidare le preghiere e mirare a una ira più efficace mostrando nel contempo ai credenti perseguitati di non essere stati dimenticati.

La versione 2023 tiene traccia del periodo di tempo dal 1° ottobre 2021 al 30 settembre 2022 ed è compilata da rapporti dal campo realizzati da oltre 4.000 collaboratori di Porte Aperte in più di 60 paesi.

Il rapporto di oggi segna anche i 30 anni della lista, creata per la prima volta nel 1993 dopo la caduta della cortina di ferro. Cosa ha imparato Porte Aperte?

Innanzitutto, è chiaro che la persecuzione continua a peggiorare. Il numero di paesi che hanno raggiunto la soglia del WWL da essere monitorati è passato da 40 nel 1993 a 76 oggi e il punteggio medio per paese è aumentato del 25%.

Eppure la più grande minaccia per la chiesa non è esterna ma interna, conclude Frans Veerman, amministratore delegato della ricerca di Porte Aperte. E 1 Corinzi 12 significa che nessun credente dovrebbe soffrire da solo.

“La più grande minaccia per il cristianesimo”, ha detto, “è che la persecuzione porta all’isolamento, e quando continua incessantemente può causare la perdita della speranza”.

Mentre la violenza e la pressione portano a traumi e perdite significative, Veerman ha notato come “molti intervistati ai nostri questionari continuino a dire che la più grande minaccia non viene dall’esterno ma dall’interno della chiesa: ‘La prossima generazione sarà preparata per il tipo di persecuzione a cui stiamo assistendo? Sono forti nella loro fede e nella conoscenza di Cristo e del Vangelo?’”

“Questo dimostra che il livello di resilienza della chiesa è determinante per il futuro della chiesa in un paese quanto lo è il livello di persecuzione”, ha detto. “Quindi la più grande minaccia per la chiesa nei paesi perseguitati è la diminuzione della resilienza causata dalla persecuzione incessante e dalla sensazione di essere abbandonata dal resto del corpo di Cristo”.

Dopo tre decenni di ricerca, Porte Aperte ha appreso che tale resilienza necessaria va trovato “ancorandosi alla Parola di Dio e alla preghiera”, ha affermato Veerman. Anche essendo “coraggiosi”, poiché la chiesa perseguitata è molto spesso “attiva nella diffusione del Vangelo” e “vitale e in crescita contro ogni previsione”.

In breve, la chiesa perseguitata ha insegnato a Porte Aperte la verità di 1 Corinzi 12:26: “Se un membro soffre, tutte le membra soffrono con lui; se un membro è onorato, tutte le membra ne gioiscono con lui”.

Dove si trovano oggi i cristiani più perseguitati?

L’Afghanistan non rappresenta l’unico cambiamento sostanziale nella classifica di quest’anno. Cuba è passata al numero 27, dal numero 37, a causa dell’intensificarsi delle tattiche repressive contro leader cristiani e attivisti che si oppongono ai principi comunisti. Prima delle manifestazioni diffuse nel 2021, non era neppure in classifica. Il Burkina Faso è passato al numero 23, dal numero 32, a causa dell’aumento dell’attività jihadista, esacerbata da un’analoga instabilità nelle vicine nazioni del Sahel. Il Mozambico è passato al n. 32, dal n. 41, a causa della militanza islamica nella sua regione settentrionale. E la Colombia è passata al numero 22, dal numero 30, a causa della violenza mirata contro i cristiani da parte di bande criminali.

Le Comore si sono aggiunte alla lista al numero 42, salendo di 11 posizioni a causa dell’aumento della paranoia del governo (solo gli stranieri nell’arcipelago hanno la libertà religiosa). E il Nicaragua si è unito alla lista per la prima volta, salendo di 11 posizioni al n. 50 a causa della crescente repressione dittatoriale, in particolare contro la Chiesa cattolica romana.

Complessivamente, a parte l’Afghanistan che ha perso otto posizioni, le prime 10 nazioni hanno per lo più rimescolato le posizioni rispetto allo scorso anno (vedi barra laterale). Il Sudan è rientrato nel gruppo al numero 10, superando l’India, che al numero 11 si colloca ancora nel livello di persecuzione “più estremo” di Porte Aperte.

Sorprendentemente rimossa nel 2021 dall’elenco annuale dei paesi di particolare interesse del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti dopo essere stata finalmente aggiunta nel 2020, la Nigeria ha ricevuto nuovamente un’attenzione speciale nel rapporto di Porte Aperte, che ha osservato:

La violenza contro i cristiani... è più estrema in Nigeria, dove militanti Fulani, Boko Haram, dalla Provincia dell’Africa occidentale dello Stato islamico (ISWAP) e altri conducono incursioni nelle comunità cristiane, uccidendo, mutilando, stuprando e rapendo a scopo di riscatto o schiavitù sessuale. Quest’anno ha visto anche questa violenza estendersi al sud della nazione, area a maggioranza cristiana. … Il governo della Nigeria continua a negare che si tratti di persecuzione religiosa, quindi le violazioni dei diritti dei cristiani vengono compiute nell’impunità.

Ripetendo la performance dello scorso anno, la nazione più popolosa dell’Africa si è classificata al primo posto nelle sottocategorie WWL di cristiani uccisi, rapiti, aggrediti o molestati sessualmente, sposati con la forza o abusati fisicamente o mentalmente, nonché al primo posto nelle case e imprese attaccate per motivi di fede. Si è nuovamente classificato al secondo posto nelle sottocategorie di attacchi alle chiese e sfollamento interno.

Le violazioni della libertà religiosa in Nigeria sono emblematiche di una presenza islamista in rapida crescita nell’Africa subsahariana. Il Mali è salito al numero 17 dal numero 24. Il Burkina Faso è salito al numero 23 dal numero 32 e il Niger è salito al numero 28 dal numero 33. Più a sud, la Repubblica Centrafricana (CAR) è salita al n. 24 dal n. 31; Il Mozambico è salito al n. 32 dal n. 41; e DRC è salito al numero 37 dal numero 40.

I paesi a maggioranza cristiana si collocano relativamente in basso nella top 50 e includono Colombia (n. 22), Repubblica Centrafricana (n. 24), Cuba (n. 27), Etiopia (n. 39), Repubblica Democratica del Congo o RDC (n. 37), Mozambico (n. 32), Messico (n. 38) e Camerun (n. 45) e Nicaragua (n. 50). (Kenya e Tanzania non riescono a entrare nella lista del 2023.)

Per quanto riguarda l’America Latina, Porte Aperte ha osservato:

L’oppressione diretta del governo contro i cristiani visti come voci di opposizione è diffusa in Nicaragua (n. 50), Venezuela (n. 64) e Cuba (n. 27), dove i leader cristiani sono stati imprigionati senza processo per la loro parte nelle manifestazioni dello scorso anno.

In molti Paesi dell’America Latina ha preso piede la criminalità organizzata, soprattutto nelle zone rurali per i cristiani che denunciano le attività dei cartelli.

Delle prime 50 nazioni:

  • 11 hanno livelli di persecuzione “estremi” e 39 hanno livelli “molto alti”. Anche altre cinque nazioni al di fuori della top 50 si qualificano come “molto alte”: Kenya, Kuwait, Tanzania, Emirati Arabi Uniti e Nepal. (Poi PA ne traccia altri 21 con livelli “alti”. Le uniche nazioni a salire di livello sono state il Nicaragua e il Sudan, mentre l’Arabia Saudita e lo Sri Lanka sono state le uniche nazioni a scendere di livello.)
  • 19 sono in Africa, 27 in Asia e 4 in America Latina.
  • 34 hanno l’Islam come religione principale, 4 hanno il buddismo, 1 ha l’induismo, 1 ha l’ateismo, 1 ha l’agnosticismo e 10 hanno il cristianesimo. (La Nigeria è 50/50 musulmano-cristiana.)

L’elenco del 2023 includeva due nuovi paesi: Comore e Nicaragua. Due Paesi sono usciti dalla lista: Kuwait e Nepal.

Altri aumenti da notare includono il Mali al n. 17, dal n. 24, a causa delle minacce dei combattenti jihadisti e combattenti mercenari nel contesto di un governo debole che lega alcuni cristiani agli interessi occidentali. Allo stesso modo, il Niger, un’altra nazione del Sahel, è salito al n. 28 dal n. 33, a causa dei continui attacchi dei militanti islamisti. E in Nord America, il Messico è salito al n. 38 dal n. 43, a causa della violenza criminale contro i cristiani percepita come una minaccia per attività illegali, nonché delle pressioni sociali subite dai credenti indigeni che si rifiutano di seguire le usanze ancestrali.

Non tutti i movimenti degni di nota sono stati negativi. Porte Aperte ha notato la “promozione di una maggiore tolleranza” in un certo numero di paesi del Medio Oriente, tra cui il Bahrein e gli Emirati Arabi Uniti. Il Qatar è sceso di 16 posizioni dal n. 18 al n. 34, a causa della chiusura di nessuna chiesa l’anno scorso. (Tuttavia, molte chiese in casa chiuse precedentemente sono rimaste chiuse.) L’Egitto è sceso di 15 posizioni dal n. 20 al n. L’Oman è sceso per ragioni simili dal n. 36 al n. 47, e la Giordania è scesa dal n. 39 al n.49 dovuto a nessuna notizia di cristiani sfollati dalle proprie case.

Come vengono perseguitati i cristiani in questi paesi?

Porte Aperte tiene traccia della persecuzione in sei categorie, comprese le pressioni sia sociali che governative su individui, famiglie e congregazioni, e si concentra in particolare sulle donne. Molte categorie hanno registrato diminuzioni quest’anno, anche se alcune hanno raggiunto livelli record.

Quando la violenza viene isolata come categoria, i primi 10 persecutori cambiano radicalmente: rimangono solo Nigeria, Pakistan e India [vedi barra laterale]. In effetti, 15 nazioni sono più mortali per i cristiani della Corea del Nord. (L’Uganda ha visto il più alto aumento della violenza segnata, con un aumento di 3,1 punti insieme all’Honduras, ma entrambi non erano nella top 50. Dopo il calo di 10 punti dell’Afghanistan, il Qatar ha registrato la maggiore diminuzione della violenza, seguito da Sri Lanka ed Egitto. Tra le nazioni totali monitorate, 12 non hanno visto alcun cambiamento nel punteggio di violenza, 27 abbassato e 37 aumentato).

I martiri sono diminuiti di oltre 275 rispetto all’anno precedente, in quanto Porte Aperte ha registrato 5.621 cristiani uccisi per la loro fede durante il periodo di riferimento. Con una diminuzione del 5%, il bilancio rimane il secondo più alto dal primato del 2016 di 7.106 morti. La Nigeria ha rappresentato l′89% del totale.

Porte Aperte è nota perché preferisce una stima più prudente rispetto ad altri gruppi di difesa, che spesso calcolano i martiri a 100.000 all’anno.

Laddove i numeri non possono essere verificati, le stime sono fornite in numeri tondi di 10, 100, 1.000 o 10.000, che si presume siano più alti nella realtà. E alcune tabulazioni nazionali potrebbero non essere fornite per motivi di sicurezza, con conseguente designazione “NN” per Afghanistan, Maldive, Corea del Nord, Somalia e Yemen.

Sotto questa rubrica, una nazione senza nome, il Mozambico, e la RDC seguono tutti la Nigeria con un conteggio simbolico di 100 martiri. Poi la CAR con 61 uccisioni registrate, il Myanmar con 42, la Colombia con 21 e l’India con 17.

Una seconda categoria traccia gli attacchi a chiese e altri edifici cristiani come ospedali, scuole e cimiteri, distrutti, chiusi o confiscati. Il conteggio di 2.110 rappresenta una diminuzione del 59% rispetto allo scorso anno ed è solo circa un quinto del massimo del rapporto del 2020 di 9.488.

La Cina (n. 16), che è rientrata nella top 20 nel 2021 per la prima volta in un decennio, ha guidato con la metà degli attacchi alla chiesa segnalati, anche se con un conteggio simbolico di 1.000. Quindi a Nigeria, Myanmar, Mozambico, RDC, Ruanda e Angola sono stati assegnati 100 attacchi simbolici. Poi l’India ha registrato 67 eventi specifici, seguita dal Messico con 42, dalla Colombia con 37 e dal Nicaragua con 31.

La categoria dei cristiani detenuti senza processo, arrestati, condannati e imprigionati è scesa a 4.542, in calo di un quarto rispetto al primato di 6.175 del rapporto dello scorso anno, ma resta comunque il secondo totale più alto da quando è stata rilevata la categoria.

Porte Aperte lo divide in due sottocategorie, con 3.154 fedeli detenuti che rappresentano un calo del 34%. L’India è in testa con 1.711 casi e rappresenta il 54% del totale. Seguono l’Eritrea con 244 casi e la Russia con 200; poi una nazione senza nome, Myanmar, Cina e Ruanda con un simbolico 100 ciascuno; poi Cuba con 80, El Salvador con 63 e la Nigeria con 54.

Il conteggio dei 1.388 fedeli imprigionati, tuttavia, è rimasto stabile rispetto ai 1.410 riportati nel periodo precedente. Una nazione senza nome, Eritrea, Cina e India comprendeva quasi il 90% del totale.

Un altro nuovo massimo è stato registrato nel numero di cristiani rapiti, con un totale di 5.259 che rappresenta un aumento del 37% rispetto al periodo precedente. La Nigeria ha rappresentato il 90 per cento del totale, ovvero 4.726 rapimenti, seguita da Mozambico e RDC con un simbolico 100 eventi ciascuno, quindi Iraq con 63, CAR con 35 e Camerun con 25.

La categoria di gran lunga più ampia è quella degli sfollati, con 124.310 cristiani costretti a lasciare le proprie case o nascondersi per motivi legati alla fede, in calo del 43% rispetto ai 218.709 dell’anno scorso. Altri 14.997 cristiani sono stati costretti a lasciare i loro Paesi, rispetto ai 25.038 dell’anno scorso. Il Myanmar comprendeva 4 sfollati interni su 5 (seguiti da Nigeria e Burkina Faso) e 2 rifugiati su 3 (seguiti dall’Iran).

Porte Aperte ha affermato che diverse categorie erano particolarmente difficili da contare con precisione, la più alta delle quali erano i 29.411 casi di abusi fisici e mentali, tra cui percosse e minacce di morte. (Il conteggio dello scorso anno è stato di 24.678 incidenti.) Delle 72 nazioni valutate, a 45 sono stati assegnati numeri simbolici. La Nigeria e l’India sono state le più alte (costituendo i due terzi del conteggio), seguite da una nazione senza nome, Myanmar, Mozambico, Indonesia, Repubblica Democratica del Congo e Ruanda.

Un totale stimato di 4.547 case e proprietà cristiane sono state attaccate nel 2022, insieme a 2.210 negozi e attività commerciali. Di questi ultimi, a 27 paesi su 42 sono stati assegnati numeri simbolici, con il conteggio della Nigeria di 1.000 che supera le successive nove nazioni messe insieme (dati i loro conteggi di 100 ciascuno). Nigeria, Myanmar e CAR hanno registrato i conteggi più alti nella prima categoria (un simbolico 1.000 ciascuno), con solo l’Indonesia e l’India in grado di registrare casi effettivi (211 contro 180). Eritrea, Siria, Iraq, Burkina Faso, Niger, Mozambico, RDC e Camerun hanno completato la top 10 e oltre, ciascuno con un conteggio simbolico di 100 attacchi.

Anche le categorie specifiche per le donne erano difficili da contare con precisione per i ricercatori di Porte Aperte. I casi di stupro e molestie sessuali sono diminuiti da 3.147 a 2.126, guidati dalla Nigeria con quasi la metà del totale, con 34 paesi su 47 che hanno registrato un valore simbolico. I matrimoni forzati con non-cristiani sono diminuiti da 1.588 a 717 conteggiati, guidati dalla Nigeria come il più alto dei 22 paesi su 34 segnati simbolicamente.

Perché i cristiani sono perseguitati in questi paesi?

La motivazione principale varia da paese a paese e una migliore comprensione delle differenze può aiutare i cristiani di altre nazioni a pregare e difendere in modo più efficace i loro fratelli e sorelle assediati in Cristo.

Porte Aperte classifica le principali fonti di persecuzione cristiana in otto gruppi:

Oppressione islamica (31 paesi): questa è la principale fonte di persecuzione che i cristiani affrontano in più della metà dei paesi della lista di controllo, inclusi 8 dei primi 10 in totale. La maggior parte delle 31 sono nazioni ufficialmente musulmane o hanno maggioranze musulmane; tuttavia, 5 hanno effettivamente maggioranze cristiane: Nigeria, CAR (n. 24), RDC (n. 37), Mozambico (n. 32) e Camerun (n. 45). (Inoltre, questo è il motore principale in 15 nazioni con abbastanza persecuzioni da essere monitorato da Porte Aperte, ma al di sotto del limite della lista di controllo, tra cui Kenya e Tanzania a maggioranza cristiana.)

Paranoia dittatoriale (9 paesi): questa è la principale fonte di persecuzione che i cristiani affrontano in nove paesi, soprattutto nelle nazioni a maggioranza musulmana: Siria (n. 12), Uzbekistan (n. 21), Turkmenistan (n. 26), Bangladesh (n. 30), Tagikistan (n. 44) e Kazakistan (n. 48), ma anche in Eritrea (n. 4), Cuba (n. 27) e Nicaragua (n. 50). (Anche in sei nazioni monitorate: Angola, Azerbaigian, Bielorussia, Burundi, Ruanda e Venezuela.)

Oppressione comunista e post-comunista (4 paesi): questa è la principale fonte di persecuzione che i cristiani affrontano in quattro paesi, tutti in Asia: Corea del Nord (n. 1), Cina (n. 16), Vietnam (n. 25) e Laos (n. 31).

Nazionalismo religioso (3 paesi): questa è la principale fonte di persecuzione che i cristiani affrontano in tre nazioni, tutte in Asia. I cristiani sono presi di mira principalmente dai nazionalisti indù in India (n. 11) e dai nazionalisti buddisti in Myanmar (n. 14) e Bhutan (n. 40). (Anche in tre nazioni monitorate: Israele, Nepal e Sri Lanka.)

Criminalità organizzata e corruzione (2 paesi): questa è la principale fonte di persecuzione che i cristiani affrontano in Colombia (n. 22) e in Messico (n. 38). (Anche in tre nazioni monitorate: El Salvador, Honduras e Sud Sudan.)

Protezionismo denominazionale cristiano (1 Paese): questa è la principale fonte di persecuzione che i cristiani affrontano in Etiopia (n. 39).

Intolleranza secolare (0 paesi) e oppressione dei clan (0 paesi): Porte Aperte tiene traccia di queste fonti di persecuzione, ma nessuna delle due è la fonte principale in nessuno dei 50 paesi nell’elenco del 2023.

Come si confronta la WWL con altri rapporti sulla persecuzione religiosa?

Porte Aperte ritiene ragionevole definire il cristianesimo la religione più perseguitata al mondo. Allo stesso tempo, rileva che non esiste una documentazione comparabile per la popolazione musulmana mondiale.

Altre valutazioni sulla libertà religiosa in tutto il mondo confermano molte delle scoperte di Porte Aperte. Ad esempio, l’ultima analisi del Pew Research Center sulle ostilità governative e sociali nei confronti della religione ha rilevato che i cristiani sono stati molestati in 155 paesi nel 2020, più di qualsiasi altro gruppo religioso. I musulmani sono stati molestati in 145 paesi, seguiti dagli ebrei in 94 paesi.

La ripartizione corrisponde ai dati di Porte Aperte. Cina, Eritrea e Iran si sono classificate tra le prime 10 nazioni secondo Pew che hanno attuato molestie da parte del governo, mentre India, Nigeria e Pakistan si sono classificate tra le prime 10 che hanno sperimentato l’ostilità sociale. Afghanistan ed Egitto si sono classificati in entrambi.

La maggior parte delle nazioni nell’elenco di Porte Aperte compare anche nell’elenco annuale del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti che nomina e svergogna i governi che hanno “coinvolto o tollerato violazioni sistematiche, continue ed eclatanti della libertà religiosa”.

La sua lista dei paesi di maggior interesse (CPC) include Myanmar (n. 14 nella WWL del 2023), Cina (n. 16), Cuba (n. 27), Eritrea (n. 4), Iran (n. 8 ), Corea del Nord (n. 1), Nicaragua (n. 50), Pakistan (n. 7), Russia (che è uscita dalla WWL l’anno scorso), Arabia Saudita (n. 13), Tagikistan (n. 44) e Turkmenistan (n. 26). La sua Special Watch List di secondo livello comprende l ’Algeria (n. 19), la Repubblica Centrafricana (n. 24), le Comore (n. 42) e il Vietnam (n. 25).

Il Dipartimento di Stato elenca anche Entità di Particolare Interesse (Entities of Particular Concern), o protagonisti non governativi che producono persecuzione, che sono tutti attivi nei paesi della lista di Porte Aperte. Questi includono Boko Haram e ISWAP in Nigeria (n. 6 nella WWL), i talebani in Afghanistan (n. 9), Al-Shabaab in Somalia (n. 2), Hayat Tahrir al-Sham in Siria (n. 12) , gli Houthi nello Yemen (n. 3), il Gruppo Wagner per le sue attività nella Repubblica Centrafricana (n. 24), e ISIS-Grande Sahara e Jamaat Nasr al-Islam wal Muslimin nel Sahel.

Nel frattempo, la Commissione statunitense per la libertà religiosa internazionale (USCIRF) nel suo rapporto del 2022 ha raccomandato le stesse nazioni per l’elenco del CPC, con l’aggiunta di Nigeria (n. 6), India (n. 11), Siria (n. 12), e Vietnam (n. 25). Per la watch list del Dipartimento di Stato, l’USCIRF ha raccomandato le stesse nazioni ad eccezione delle Comore, con l’aggiunta di Azerbaigian (non nella top 50 ma monitorato da Porte Aperte), Egitto (n. 35), Indonesia (n. 33), Iraq (n. . 18), Kazakistan (n. 48), Malesia (n. 43), Turchia (n. 41) e Uzbekistan (n. 21).

Tutte le nazioni del mondo sono monitorate dai ricercatori e dal personale sul campo di Porte Aperte, ma viene prestata un’attenzione approfondita a 100 nazioni e un’attenzione particolare alle 76 che registrano livelli “alti” di persecuzione (punteggi superiori a 40 sui 100 di Porte Aperte scala a punti).

CT ha precedentemente riportato le classifiche WWL per 2022, 2021, 2020, 2019, 2018, 2017, 2016, 2015, 2014, 2013 e 2012, incluso un riflettore su dove è più difficile da credere . CT ha anche chiesto agli esperti se gli Stati Uniti appartengono agli elenchi delle persecuzioni e ha compilato le storie più lette della chiesa perseguitata nel 2019, 2018, 2017, 2016 e 2015 .

Leggi qui il rapporto completo di Porte Aperte sulla World Watch List 2022 .

Tradotto da JD Gilmore

[ This article is also available in English español Português العربية Français 简体中文 한국어 Indonesian 繁體中文, and русский. See all of our Italian (Italiano) coverage. ]

January/February
Support Our Work

Subscribe to CT for less than $4.25/month

Read These Next

close