Jump directly to the Content

News&Reporting

Morta: la regina Elisabetta II, monarca britannica che ha riposto la sua fede in Dio

Durante i suoi sette decenni di regno, ha parlato regolarmente dell’importanza della sua fede personale.
|
EnglishespañolFrançais简体中文한국어Indonesian繁體中文русскийУкраїнська
Morta: la regina Elisabetta II, monarca britannica che ha riposto la sua fede in Dio
Image: Joe Giddens - di WPA Pool/Getty Images / modifiche di Mallory Rentsch

La regina Elisabetta II, la monarca più longeva della storia britannica, è morta all’età di 96 anni.

Nel corso del suo regno senza precedenti, la regina Elisabetta II ha parlato spesso della sua personale fede cristiana. Tenendo il suo primo discorso di Natale nel 1952, una tradizione iniziata da suo nonno, re Giorgio V, la regina chiese preghiere per la sua imminente incoronazione.

“Voglio chiedere a tutti voi, qualunque sia la vostra religione, di pregare quel giorno per me”, ha detto, “pregare affinché Dio mi dia saggezza e forza per compiere le promesse solenni che farò, e che possa servire fedelmente Lui e voi, tutti i giorni della mia vita”.

In qualità di uno dei leader più riconoscibili e celebrati al mondo per più di sette decenni dopo quel Natale, la regina ha dimostrato come mantenere la propria fede cristiana personale, privata, inclusiva e compassionevole mentre prestava servizio in un ruolo pubblico globale sotto un intenso scrutinio praticamente da parte di ogni settore.

La regina Elisabetta II ereditò le responsabilità religiose come Difensore della Fede e Governatore Supremo della Chiesa d’Inghilterra, titoli conferiti al monarca britannica regnante da quando Enrico VIII rinunciò al papato nel 1534. Alla sua incoronazione nel 1953, Sua Maestà prestò giuramento di “mantenere e preservare inviolabilmente l’insediamento della Chiesa d’Inghilterra, il culto, la dottrina, la disciplina e il governo della stessa, come per legge stabilita in Inghilterra”.

I suoi compiti includevano la nomina di arcivescovi, vescovi e decani della Chiesa d’Inghilterra su consiglio del primo ministro. Nel 1970 è stata la prima sovrana ad inaugurare e parlare di persona del Sinodo Generale della Chiesa, una pratica che ha continuato ogni cinque anni dopo le elezioni diocesane.

Tre settimane dopo la sua incoronazione, la regina seguì il precedente storico e giurò di mantenere la Chiesa di Scozia, onorando il suo dovere di “preservare l’insediamento della vera religione protestante come stabilito dalle leggi vigenti in Scozia”. La Chiesa di Scozia è presbiteriana e riconosce solo Gesù Cristo come “Re e Capo della Chiesa”, con il risultato che Sua Maestà non detiene il titolo ufficiale e partecipa quindi come semplice membro.

Più della tradizione

Ma la fede della regina era più che il prodotto di un cortese rispetto della tradizione storica. Durante il suo regno, ha articolato l’importanza della sua fede e l’ha raccomandata ai suoi sudditi.

“Per me gli insegnamenti di Cristo e la mia responsabilità personale davanti a Dio forniscono un quadro in cui cerco di condurre la mia vita”, ha detto nel 2000. “Io, come tanti di voi, ho tratto grande conforto in tempi difficili dalle parole e dall’esempio di Cristo”.

Nel 2002 la regina ha subito un doloroso anno di perdite personali con la morte di sua sorella, la principessa Margaret, e della regina madre. Nel suo discorso annuale di Natale di quell’anno parlò di come la sua fede l’aveva sostenuta.

“So quanto dipendo alla mia fede per guidarmi attraverso i momenti belli e quelli brutti”, ha detto . “Ogni giorno è un nuovo inizio. So che l’unico modo per vivere la mia vita è cercare di fare ciò che è giusto, guardare lontano, dare il meglio di me in tutto ciò che la giornata porta e riporre la mia fede in Dio”.

La regina ha costantemente esteso la sua influenza per riconoscere e celebrare la diversità e la tolleranza religiosa nel Regno Unito, nel Commonwealth delle Nazioni e in tutto il mondo. I Messaggi di Natale e del Commonwealth Day di Sua Maestà spesso affrontavano il tema dell’armonia interreligiosa e della rispettosa tolleranza. I leader di varie fedi e denominazioni hanno regolarmente partecipato alle cerimonie reali, inclusi matrimoni e servizi di ringraziamento, su invito della regina e di suo marito, il duca di Edimburgo.

Celebrando il suo Giubileo di diamante nel 2012, la regina ha partecipato a un ricevimento multireligioso al Lambeth Palace, ospitato dall’arcivescovo di Canterbury, con i leader di otto fedi nel Regno Unito tra cui buddismo, ebraismo, islam e induismo. A questo evento, la regina ha detto: “La fede ha un ruolo chiave nell’identità di milioni di persone, fornendo non solo un sistema di credenze ma anche un senso di appartenenza. Può agire da stimolo per l’azione sociale. In effetti, i gruppi religiosi hanno una storia di cui vantarsi nell’aiutare i più bisognosi, inclusi i malati, gli anziani, i solitari e gli svantaggiati. Ci ricorda delle responsabilità che abbiamo al di là di noi stessi”.

Gli sforzi della Regina sono stati riconosciuti nel 2007 dal Three-Faiths Forum, un’organizzazione dedicata alla costruzione di comprensione e relazioni durature tra persone di tutte le fedi e credenze. Ha consegnato a Sua Maestà il medaglione d’oro interreligioso di Sternberg, assegnato a persone che hanno contribuito a promuovere la pace e la tolleranza tra persone di fedi diverse.

Presunto erede

Nata il 21 aprile 1926, Elizabeth Alexandra Mary Windsor era la primogenita del duca e della duchessa di York e la prima nipote del monarca regnante, re Giorgio V, che secondo quanto riferito si dilettava della bambina premurosa e ben educata conosciuta dalla famiglia come Lilibet. Il padre di Elisabetta salì al trono nel 1936 come re Giorgio VI quando suo fratello, re Edoardo VIII, abdicò per sposare la divorziata Wallis Simpson.

Come presunta erede, Elisabetta fu istruita privatamente e prestò servizio nel servizio territoriale ausiliario durante la seconda guerra mondiale. Nel 1947 sposò Philip Mountbatten, di stirpe reale greca e danese. La loro unione è durata 73 anni fino alla sua morte nel 2021 e ha prodotto quattro figli: Carlo, principe di Galles ed erede apparente; Anna, principessa reale; Andrea, duca di York; ed Eduardo, conte di Wessex. Oltre ai suoi figli, la regina lascia otto nipoti e 12 pronipoti.

Dall’inizio del suo regno, la regina ha costantemente citato riferimenti dalla Scrittura, in particolare nelle sue trasmissioni annuali di Natale.

“A quale maggiore ispirazione e consiglio possiamo rivolgerci”, chiese, “che non alla verità imperitura che si trova in questa casa del tesoro, la Bibbia?”

Nel suo discorso del 2016, Sua Maestà ha spiegato : “Miliardi di persone ora seguono l’insegnamento di Cristo e trovano in Lui la luce guida per la loro vita. Io sono uno di loro perché l’esempio di Cristo mi aiuta a vedere il valore nel fare le piccole cose con grande amore, chiunque le faccia e qualunque cosa possa credere».

Relazione con Billy Graham

Il suo amico e confidente Billy Graham ha confermato l’amore della Regina per la Bibbia, così come la forza e la profondità della sua fede cristiana, nella sua autobiografia, Proprio come sono .

“Nessuno in Gran Bretagna è stato più cordiale con noi di Sua Maestà la Regina Elisabetta II”, ha scritto Graham. “Quasi tutte le occasioni in cui sono stato con lei sono state in un ambiente caldo e informale, come un pranzo o una cena, da solo o con alcuni membri della famiglia o altri amici stretti”.

Raramente pubblicizzavano i loro incontri o sfruttavano la loro relazione professionalmente, ma i due hanno goduto di un’amicizia che è durata per più di 60 anni fino alla morte di Graham nel 2018. Scrisse: “L’ho sempre trovata molto interessata alla Bibbia e al suo messaggio”.

L’amore della Regina per la Bibbia e il suo messaggio del vangelo l’ha portata a partecipare alla pubblicazione di un libro speciale per commemorare il suo novantesimo compleanno. Intitolata The Servant Queen and the King She Serves , coautorata da Catherine Butcher e Mark Greene, questa panoramica della fede cristiana di Sua Maestà è stata pubblicata dalla Bible Society UK, per la quale la regina è patrono, insieme a HOPE e alla London Institute for Contemporary Christianity .

Sua Maestà ha personalmente scritto la prefazione, ringraziando i lettori per le loro preghiere e gli auguri. “Sono stata, e resto, molto grata a... Dio per il suo amore costante. Ho davvero visto la sua fedeltà”, ha scritto.

Il libro è stato distribuito a migliaia di chiese in tutto il Regno Unito e in molti paesi del Commonwealth prima del compleanno della regina nel 2016. Il libro ebbe così tanto successo che la Società Biblica dovette stampare altre 150.000 copie per soddisfare la richiesta.

Adempiere al suo voto

In parte principessa e in parte papa, custode e bisnonna, diplomatica e discepolo, Sua Maestà la Regina è stata la calma che è andata avanti, stabilizzando la sua nazione e il Commonwealth durante periodi tumultuosi di cambiamento storico e progresso tecnologico.

“In definitiva, la monarchia punta oltre se stessa verso la maestà di Dio”, ha scritto Ian Bradley, professore presso la University of St Andrews School of Divinity. “Incoraggia le facoltà umane di riverenza, lealtà e adorazione conferite da Dio. Trae la sua vera sanzione e autorità dall’alto piuttosto che dal basso.

La regina Elisabetta II era un monarca tale. Facendo da ponte tra il 20° e il 21° secolo, modernità e postmodernità, Sua Maestà ha dato credito alla sua fede personale in Dio e la fede in Cristo come la sua ancora in mezzo alle numerose tempeste, sia pubbliche che private, che ha subito. Alla fine, ha adempiuto davanti a Dio i suoi sacri voti di incoronazione a Dio, vivendo fedelmente e servendo coloro che erano affidati alle sue cure.

Dudley Delffs è l’autore di The Faith of Queen Elizabeth .

Tradotto da JD Gilmore

[ This article is also available in English español Français 简体中文 한국어 Indonesian 繁體中文 русский, and Українська. See all of our Italian (Italiano) coverage. ]

September
Support Our Work

Subscribe to CT for less than $4.25/month

Read These Next

close